Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘parigi’


La pitié a les doits sur les nez
pour un pauvre malodorant
dans le métro roulant.

Un public muet et absent
déconcerté
pourtant négligeant
déjà habitué.

Faut-il payer ce péage
pour voir le paysage
d’une ville déguisée
en métropole aisée?

Read Full Post »

Paris


#‎Parigi‬ è enorme.
Parigi puzza di piscio.
Parigi è dove imparo e dove cresco.
Parigi è disumana. Parigi. E anch’io l’assumo.
Parigi scompare dai finestrini del treno di banlieue
denso ricordo confuso nella maremma.

Parigi centro, stuprata dalla luce,
gli intestini pieni dell’ultimo pasto,
maledetta da mani nere che stringono scatolette,
sputano alcool, svuotano tasche,
annaffiano le strade dei loro resti liquidi.

Fragili pilastri della città.

Read Full Post »


Oggi va molto meglio.

La giornata presagiva buone nuove già in mattinata, quando ho sentito sulla banchina del treno di banlieue due giovani africani che parlavano italiano fra loro.
Che non ti fa la globalizzazione!
La cosa mi ha fatto sorridere e mi sorprende ancora a ripensarci.
Avrei voluto parlargli ma non sapevo quale fosse l’approccio migliore, quindi ho lasciato stare e continuato il mio viaggio in banlieue dove abita la ragazzina curda alla quale faccio lezione di piano.
E indovina?! La trovo all’uscita della stazione con la mamma, Xane, in partenza per la manifestazione che da ormai 4 mesi i curdi di Parigi tengono ogni mercoledì: esattamente dal 10 gennaio 2013, quando in Rue de la Fayette 147 a Parigi, in pieno centro, sono state uccise tre donne, attiviste politiche kurde, Sakine Cansız, Fidan Doğan e Leyla Söyleme.

IMAG0243

La mamma di Avesta si era dimenticata che ci eravamo messe d’accordo per fare la lezione di pianoforte oggi e per riparare alla sua distrazione, mi ha invitata ad andare con lei e con la sua famiglia (una squadra di calcio formata da almeno 6 bambini e 3 arbitre mamme!) alla manifestazione.
Cosi’ rientriamo tutte a Parigi  dalla banlieue sud-est e ci dirigiamo in metro verso il Centro culturale curdo Ahmet Kaya, dove l’anno scorso facevo il corso di baglama.

La manifestazione parte da li’ e noi arriviamo appena in tempo per unirci al “branco” assembrato in strada, proprio di fronte all’entrata del centro culturale, nella Rue d’Enghien a Strasburg-Sant Denis.

Partiamo sotto una leggera pioggia, urlando “giustizia e diritti” per il popolo curdo e altre frasi ripetute ad ogni manifestazione; ma questa protesta è ancora più pressante e intende denunciare un pluriomicidio politico compiuto per mano dello Stato turco e lo scarso interesse dello Stato francese a ricercare gli esecutori materiali e i mandanti di questo crimine.
Frasi meno moderate, come “stato turco assassino” o fascista, e “Francia complice”, spiegano meglio di tante mie parole.

In ginocchio (ora la pioggia è battente) di fronte al portone del palazzo dove hanno spietatamente freddato le tre donne curde con un colpo alla nuca, assistiamo ad alcuni brevi interventi: un uomo, una donna e infine una bambina, credo legga una poesia in curdo.
Si parlano almeno tre lingue, perché tutti comprendano e perché la parola viene data anche ad un membro del partito comunista turco: una donna che parla di diritti per tutti, in specialmodo per le donne, chiosando in curdo “jin jiyan azadi”: le donne, la vita e la libertà.

IMAG0239

È piacevole essere riconosciuta da qualche vecchio e nuovo amico: dal mio insegnante di baglama e amico Vedat, diventato da qualche mese uno dei giovani responsabili del Centro incaricato delle attività culturali; da Rustem, pilastro del Centro, gestore dell’annesso caffé; poi un amico che non vedevo da tempo e dei nuovi amici, appena rifugiatisi in terra di Francia.

Finita la festa- perché per questa gente sfilare insieme, protestare, ribellarsi al sistema, resistere, ritrovarsi, nonostante il dolore per le perdite subite in 35 anni di guerriglia contro lo Stato Turco, è ancora una festa dal senso profondo – gli amici e i parenti si abbracciano, si riconoscono e si torna insieme verso il Centro per bere un té e discutere insieme.

Vengo invitata dai miei nuovi compagni a bere il çay e ne approfitto per conoscerli meglio e per riposare prima di una lezione di italiano programmata all’ultimo minuto.
Un ragazzo cileno mi aveva chiamato durante la manifestazione per chiedermi se fossi stata disponibile in giornata. E io lo ero, oggi più che mai.

Sorreggiando il té, i miei nuovi amici del centro curdo mi spiegano in turco come sta evolvendo la situazione politica in Turchia, soprattutto in merito ai recenti patti fra il leader curdo Ocalan e lo Stato turco, rappresentato dal Premier Erdogan.

Conosco a fondo la questione, ma ultimamente, presa dall’adattamento non sempre facile alla vita parigina, ho perso di vista i miei interessi, fra cui c’è l’aggiornamento costante sull’evoluzione della geopolitica, in specialmodo in Turchia.

Nonostante fatichi a esprimermi, riesco ancora a cogliere i concetti fondamentali.
I due rifugiati – fra cui una  ragazza di professione grafico che rischia 16 anni di carcere per il semplice fatto di aver lavorato in un giornale di ‘propaganda’ curda – mi spiegano perché la libertà dei curdi e la loro lotta è la libertà di tutti, non solo loro.

Capisco bene questo concetto, forse perché l’ho sentito ripetere altre e tante volte; forse perché mi è intimamente vicino, mi appartiene; forse perché, anche se non so spiegarlo in poche parole, so che è giusto.

So che è giusto e lo porto con me al primo incontro, poco più tardi, con il dentista peruviano di 32 anni, laureato in Perù, un master a Parigi e sposato da sole 3 settimane con una ragazza sarda. Insieme l’anno prossimo andranno a vivere a Cagliari, stufi dei 5 anni passati nella megalopoli frenetica e spesso isterica. In cerca di: tranquillità,affetti, natura.

E cosi torniamo a monte, o meglio a valle: la globalizzazione in senso contrario, la ripopolazione della nostra terra, il ritorno alle origini e alle ‘cose vere’..la fuga e il rientro dei cervelli.

Spero che questi due ragazzi, una dottorata in fisica e un dentista iperspecializzato, semi sconosciuti ma già di esempio per me, rappresentino quel futuro che vogliamo. Il futuro e la speranza per cui lottano i curdi e tanti altri singoli individui.

Un futuro che appartiene a tutti.

IMAG0244

Read Full Post »


“Paris la ville lumière!”, “Paris la ville plus romantique au monde!”, “Paris la capitale de la mode!”.

Tout cela ne m’a pas trop touché à mon arrivée à Paris.

Par contre, ce qui m’a frappé intensément c’était les couleurs des arrondissements, notamment des celles des plus pauvres, comme le 18ème, le 19éme, le 20ème.
C’est dans ces quartiers que j’ai habité jusqu’à hier, où j’ai déménagé en banlieue. J-habitais dans le dixième, à la frontière entre le 20 e le 18, aux confins de l’imaginaire exotique: les couleurs et les odeurs des rues et des marchés internationaux.

D’ailleurs j’habitais dans un quartier ‘riche’. Le dixième proche du Canal Saint Martin peut nous étonner pour la beauté, la propreté et la calme des rues, surtout sur les deux quais qui accompagnent la Seine jusqu’à, presque, la Bastille.Un lieu animé par les jeunes dans les soirées d’été, plutôt bo-bo, mais pas trop.

Pourtant, Paris est connu ailleurs, à l’étranger sans doute, pour d’autres choses. S’agit-ils de clichés?

Auteur: Jb A.

Oui, ce sont des clichés probablement mais c’est aussi du au fait que pour découvris vraiment la ville, comme d’autres endroits d’ailleurs, il faut se perdre, il faut marcher sans but, et se laisser transporter par les images, par les vues, les rues qu’on croise et choisir son chemin selon sa propre âme.

C’est comme ça qu’on découvre Paris, la ville lumière pas toujours illuminée dans les arrondissements les plus modestes.

C’est comme ça qu’on trouve la ville la plus romantique, pas trop solidaire dans les rues centrales de la prostitution, comme à la Porte de Saint Martin en continuant vers Les Halles.

C’est ainsi qu’on apprécie la capitale de la mode, en partant vers la rue de archives l’où on trouve plein de boutiques chinoises.

Or, c’est cela Paris! C’est la ville des rêves et des chagrins. Il faut la vivre, l’habiter, en prendre possession avant qu’elle ne te prenne.

Read Full Post »


Davanti casa, sotto il ponte verde rame, in ferro battuto “art nouveau” della metro Jaurès e dei suoi palpiti..notte e giorno, giorno e notte.

Sotto il ponte, accampati, in tenda, minori. Migranti, briganti.

Rifugiati afghani, giovani, meno giovani, sfuggono alle misurazioni delle ossa per dimostrare l’età. Sono giovani di cui prendersi cura, i minori a Parigi. Minori che per il solo status under 18 hanno il diritto ad essere accolti in Francia (ma anche in Italia), protetti, accuditi, alloggiati.

(altro…)

Read Full Post »

Cristina Rosati

scegliere cosa raccontare è un atto di resistenza

Mazzetta

Ce la possiamo fare

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Le Comptoir

« Le comptoir d'un café est le parlement du peuple » Honoré de Balzac

Centro Immobiliare

IL CLIENTE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI

Carteggi Letterari - critica e dintorni

webmagazine di cultura, arte, musica, attualità, letteratura, poesia

Polvere da sparo

Sono figlio del cammino, la carovana è la mia casa _Amin Maalouf_

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

wonder-in-elis

scritturapoesiaspokenwordvideoscript

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

womenareurope

Per un'altra Europa - Towards a different Europe

Askavusa

Collettivo

WOMEN NOT AFRAID

“Siamo pervase dalla nostalgia per l’antica natura selvaggia. […] Ci hanno insegnato a vergognarci di un simile desiderio.” C. P. E.

Frank Iodice

Amare o parlare d’amore: soltanto una cosa ti sarà concessa.

Umbria Take Away | Umbria Take Away

"dall’Africa ‘o Mediterraneo st’anema nun se ferma maje.."

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Caffè Letterario

E' un punto d'incontro di blogger

serafina e le altre

Serafina, Anna e i fortunati incontri

pensieri&fatti

È il proprio tempo preso nel pensiero - Friedrich Hegel

BatBlog

pensieri per resistere, idee per vivere. meglio.

PONTITIBETANI

Zone Temporaneamente Autonome

Nomfup

Only connect

Stefania Boleso

Small marketing talks

DonneViola

Siamo Donne Viola, donne che non hanno bisogno di urlare e prevaricare per far sentire la propria voce nella società

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: